Dopo gli Spandau Ballet adesso 'torna' anche Adam Ant

In realtà Adam Ant non è mai andato via del tutto, anche se qualche problema l'ha avuto.

Ma il grande pubblico, quello che non segue con certosina dedizione ogni risvolto musicale, non se ne è accorto. Adam Ant rimane quello confinato unicamente tra fine anni Settanta ed inizio Ottanta, poi basta. Invece lo schivo artista, che nel 2002 ha avuto problemi con la giustizia ed è stato ricoverato presso un ospedale psichiatrico, ha sempre continuato a fare qualcosa. Ma -appunto- tranne i fedelissimi non se ne è accorto nessuno. Ora, dopo aver visto la buona accoglienza riservata agli Spandau Ballet, i miracolati degli anni Ottanta che dopo l'estate compiranno un ricco tour, Adam Ant (vero nome Stuart Goddard) avrebbe deciso di provare a fare un ritorno in grande stile. Il cantante ha già avuto alcuni colloqui con la Outside Organization, agenzia che si occupa di "vendere" prodotti ai media. Il problema principale è forse quello che artisti come gli Spandau hanno avuto vari singoli al numero 1 in tutto il mondo, mentre il successo di Ant è sempre rimasto essenzialmente circoscritto nel Regno Unito.


Adam Ant, frontman degli Adam & The Ants con Marco Pirroni, debuttò discograficamente nell'ottobre '78 col singolo "Young Parisians", ripubblicato poi nel dicembre '80. Il primo album della formazione, "Dirk wears white sox", attirò attenzione sul gruppo ma fu un insuccesso. Il botto avvenne solo a fine 1980, quando l'LP successivo, "Kings of the wild frontier", esplose al numero uno della classifica britannica.
"Ci siamo visti con lui, ed è in ottima forma", si è limitato a dire il portavoce della Outside Organisation. "E' ancora un bell'uomo e evidentemente va in palestra. E' troppo presto per parlare della sua carriera, ma certamente la gente vuole ancora molto bene ad Adam".
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.