Live Nation Entertainment: l'American Antitrust Institute contrario alla fusione

Live Nation Entertainment: l'American Antitrust Institute contrario alla fusione
Alle voci di artisti, manager, promoter e associazioni di consumatori che si dichiarano contrari a una fusione tra Live Nation e Ticketmaster si aggiunge quella autorevole dell’American Antitrust Institute, organizzazione non profit che sui contenuti e le implicazioni del merger ha redatto un rapporto analitico di 58 pagine. Le conclusioni? Secondo l’istituto di Washington il Dipartimento di Giustizia americano farebbe bene a bocciare il progetto perché “i benefici della concorrenza sbocciata negli ultimi 18 mesi (tra Live Nation e Ticketmaster) andranno probabilmente perduti, nel mentre le strade di accesso a nuove forme di concorrenza verranno bloccate e l’industria verrà dominata a quasi tutti i livelli da un’unica, enorme entità”. Live Nation Entertainment, sostiene l’American Antitrust Institute, finirebbe per controllare tutti i settori connessi alla musica dal vivo: organizzazione di concerti e spettacoli, gestione di sale e impianti, vendita e rivendita di biglietti, creando condizioni sfavorevoli per gli operatori e le strutture che operano al di fuori del suo circuito. Ci rimetterebbero anche i consumatori: “Live Nation Entertainment”, sostiene il rapporto, “finirebbe per addossargli prezzi superiori a quelli lche si determinerebbero in un mercato concorrenziale, e non resterebbe loro altra scelta che pagare quel prezzo o rinunciare ad andare ai concerti”.
I diretti interessati, intanto, preparano le contromosse: Irving Azoff, manager di grandi artisti designato alla guida di LNE, si è dichiarato disposto a vendere subito il sito di rivendite on-line di biglietti TicketsNow (finito nella bufera durante le prevendite del prossimo tour nordamericano di Bruce Springsteen: vedi News), se sul mercato si presenterà un’offerta giudicata conveniente.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.