Colpevole: il produttore Phil Spector va in prigione

Colpevole: il produttore Phil Spector va in prigione
Si è concluso con un verdetto di colpevolezza il secondo e lungo processo a Phil Spector, il 68enne produttore reso celebre dalla sua tecnica di registrazione “wall of sound”. La seconda tornata processuale, dopo una prima che si era chiusa con la giuria dichiaratasi non in grado di esprimere un giudizio, si è conclusa dopo cinque mesi di sedute e 77 testimoni sentiti. La Superior Court di Los Angeles ha deciso che Spector è da ritenere responsabile per la morte violenta, nel 2003, dell’attrice Lana Clarkson, trovata morta per un colpo d’arma da fuoco nell’ingresso della villa californiana del produttore. La difesa di Spector ha sempre sostenuto la tesi del suicidio dell’attrice. La notizia del verdetto è arrivata ieri in tarda serata. I termini esatti della carcerazione saranno stabiliti il prossimo 29 maggio; Spector, il quale in passato ha lavorato con –tra gli altri- Ronettes, Beatles, Cher e Leonard Cohen, sarà condannato, a quanto pare, ad un minimo di 15 anni di detenzione
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.