NEWS   |   Industria / 27/03/2009

Londra, gli artisti invocano il governo: 'Rivogliamo indietro i nostri master'

Londra, gli artisti invocano il governo: 'Rivogliamo indietro i nostri master'
Howard Jones, David Rowntree, Kate Nash, Billy Bragg, Ed O’Brien dei Radiohead e Mark Kelly dei Marillion sono i membri del primo consiglio direttivo della Featured Artists Coalition, il “sindacato” dei musicisti che in Inghilterra intende difendere gli interessi della categoria nei confronti dell’industria discografica e dei grandi utilizzatori del repertorio come MySpace o YouTube (vedi News). Jones, nel ruolo di portavoce dell’organizzazione, ha ribadito che gli artisti aderenti alla FAC non vogliono criminalizzare i consumatori che ricorrono al download non autorizzato, preferendo piuttosto invitare il governo a dichiarare guerra a chi gestisce servizi di file sharing illegale su vasta scala. Il gruppo, a cui sono associati David Gilmour, Annie Lennox, Robbie Williams e molti altri nomi di spicco della scena musicale britannica, appoggia la proposta governativa di estensione dei termini di protezione dei copyright, ma insiste per una restituzione dei master agli artisti dopo 50 anni; intende inoltre promuovere un programma educativo che convinca i giovani artisti a non cedere i loro diritti o a sottoscrivere contratti che ne limitino la libertà artistica.
“Quando torneremo in possesso dei nostri diritti”, ha spiegato l’interprete di “What is love”, “ne beneficeranno anche i consumatori perché vedrà finalmente la luce un sacco di materiale che per anni ha raccolto la polvere sugli scaffali delle case discografiche”. La Featured Artists Coalition ha anche aperto un ufficio in Wardour Street, nel cuore del quartiere londinese di Soho.
Scheda artista Tour&Concerti
Testi