Recensioni

Umberto Maria Giardini - FUTURO PROXIMO

“Mea culpa” chiude il disco. Voce e pianoforte, poi pian piano escono gli archi… un pezzo di una delicatezza disarmante. Un momento intimo, dolce, quasi epico, con un Giardini che si spoglia di tutto quello che fin qui è stato. “Futuro proximo”...
Leggi tutto