Biografia

Inizialmente DJ Food era un progetto parallelo a Coldcut dietro cui si celavano ancora i due fondatori della Ninja Tune, Jonathan Moore e Matt Black. Insieme, sotto il nome di DJ Food i due, nel periodo compreso tra il 1990 e il 1994, pubblicano una serie di cinque album (“Jazz brakes”) in cui si concentravano sulle potenzialità delle ritmiche, soprattutto hip hop e jazz. Nel 1993 ai due si accosta anche PC (Patrick Carpenter), con cui scrivono gli ultimi due capitoli di “Jazz brakes” e in cui, accanto alla formula abstract hip hop consolidata nei precedenti volumi DJ Food accumulano sonorità ambient, dub e ritmi latin, con cui espandono sempre di più il suono di DJ Food. Oltre ad ampliare il raggio d’azione musicale DJ Food, dopo l’arrivo di PC, diventa un progetto allargato. Strictly Kev, Isaac Elliston, Paul Brook e Paul Rabiger sono i nuovi acquisti del team DJ Food, un team da cui, dopo “Recipe for disaster” (il disco del 1995), Jonathan e Matt decidono di staccarsi, cedendo il timone a PC e Strictly Kev. Sono loro gli attuali responsabili di DJ Food, un progetto che, in occasione di “Kaleidoscope”, ha visto la partecipazione di Bundy K Brown (ex Tortoise) e Ken Nordine (poeta beatnik americano).

DISCOGRAFIA ESSENZIALE
“Jazz brakes Volume 1” (Ninja Tune, 1990)
“Jazz brakes Volume 2” (Ninja Tune, 1991)
“Jazz brakes Volume 3” (Ninja Tune, 1992)
“Jazz brakes Volume 4” (Ninja Tune, 1993)
“Jazz brakes Volume 5” (Ninja Tune, 1995)
“A recipe for disaster” (Ninja Tune, 1995)
“Refried food – remix LP” (Ninja Tune, 1996)
“Kaleidoscope” (Ninja Tune, 2000)

(17 mar 2000)