Cerca TestiAcquista
Nell'ottobre del 2012 Appino ha annunciato, tramite un video su YouTube, l'uscita del suo primo…


Nell'ottobre del 2012 Appino ha annunciato, tramite un video su YouTube, l'uscita del suo primo album solista “Il testamento”. Una parentesi solitaria e intima dagli Zen Circus, un disco che il musicista pisano ha fin dall'inizio descritto come “ la totale liberazione dei miei dolori più profondi, la vera e difficile storia della mia famiglia usata come veicolo per una terapia di gruppo, necessaria e a tratti violenta”.
Un lavoro registrato con 'colleghi' del calibro di Giulio Ragno Favero e Franz Valente de Il Teatro degli Orrori, Rodrigo d'Erasmo degli Afterhours, Marina Rei, e musicalmente affine al gusto cantautorale anni Settanta di Appino, ma inevitabilmente dal forte impatto rock.
I temi del disco sono principalmente tre: la famiglia, il proprio ego e la schizofrenia, affrontate in modo più riflessivo rispetto all'ironia (che pure non manca) tipica degli Zen Circus.
Ci sono due brani ispirati al regista Mario Monicelli come la title-track (incentrata sul suo ultimo gesto suicida) e “Solo gli stronzi muoiono” (frase che il cineasta diede in risposta alla domanda 'Non ha paura di morire?'); “Fiume padre”, dedicata appunto al più grande fiume italiano, il Po; “1983”, ispirata ad un discorso che l'allora Presidente della Repubblica Sandro Pertini fece in occasione del Natale del 1983.

TRACKLIST:

Il testamento
Che il lupo cattivo vegli su di te
Passaporto
Specchio dell'anima
Fuoco!
La festa della liberazione
Questione d'orario
Fiume padre
Solo gli stronzi muoiono
I giorni della merla
Tre ponti
Godi (adesso che puoi)
Schizofrenia
1983

 

Le ultime nostre segnalazioni

leggi tutto >

Le ultime recensioni di Rockol

Old Crow Medicine Show/REMEDY
Old Crow Medicine Show
REMEDY
leggi tutto >

Le ultime recensioni di DVD

Le ultime recensioni di libri

01 set 2014    Rockol - La musica online è qui Rockol.com - All your music news in one place