Cerca TestiAcquista
Ci sono tanti modi per parlare di questo esordio solista Gianni Maroccolo. Che, è noto, è una…


Ci sono tanti modi per parlare di questo esordio solista Gianni Maroccolo. Che, è noto, è una delle anime del rock italiano da oltre 20 anni: Litfiba, CCCP, CSI, PGR, e poi produttore e scopritore di musicisti, dai Marlene Kuntz in giù. O, meglio, disco “multisolista”: vi compaiono amici e colleghi, con cui Maroccolo ha collaborato o stretto legami nella sua carriera, da Lorenzo Cherubini a Battiato, da Carmen Consoli a Cristiano Godano, da Manuel Agnelli a... (la lista completa la trovate nella tracklist in fondo alla recensione).
Si potrebbe parlare, appunto, del suo ruolo nel far crescere la musica in Italia. Si potrebbe parlare degli ospiti, importanti e numerosi. Si potrebbe parlare della musica che ha composto, bella avvolgente e circolare come l’andamento delle maree. E si potrebbe parlare delle canzoni che ne sono venute fuori, che sono uno spaccato dei diversi generi che Maroccolo ha frequentato e fomentato: dal rock alla sperimentazione, dalla canzone d’autore all’elettronica. Si potrebbe parlare del mare, che ha ispirato tutta questa musica, e che ha ispirato buona parte delle parole che gli artisti hanno scritto per Gianni. Si potrebbe.
Ma il succo di “A.C.A.U.” (cosa significhi questo acronimo rimane un mistero, per stessa volontà di Maroccolo) è un altro: questo è uno di quei dischi che ti riconciliano con la musica. Perché, se la seguite, sapete che la musica italiana è spesso una guerra tra poveri, in cui si lotta per avere un poco di spazio o per cercare di fare qualcosa che sia interessante e/o originale (e spesso, poi, questo qualcosa non né interessante né originale…. Ma questa è un’altra storia). E’ davvero rinfrancante vedere e ascoltare un artista come Gianni Maroccolo mettere insieme questo “cast” e realizzare un disco come “A.C.A.U.”, in cui tutti cantano per il puro gusto di farlo.
Perché Gianni, come il gruppo di musicisti che frequenta da oltre vent’anni (quello che ruota attorno a CCCP, CSI e ora PGR), ha una concezione diversa del fare musica, lontana da quella che oggi sembra dominare (e che sta portando alla rovina il music business). Una concezione che richiede tempi lunghi, dedizione, pazienza e amore.
Forse è per questo che Maroccolo ci ha messo più di vent’anni a decidersi a fare un disco da solo. Ed è per questo, che quando l’ha fatto, da solo non è riuscito a rimanere. Ed è per questo che tutto questo calore, questa tensione si sente in ognuna delle canzoni. Personalmente ho molto apprezzato Lorenzo Cherubini e la sua “Una storia da raccontare all’alba” e “Sabbia” di Francesco Renga, che sono le due canzoni più “canzoni” del disco, e i mantra un po’ ipnotici di “Meloria’s ballad” (Cristina Donà), di “End coming over action bird” (Manuel Agnelli / Giorgio Canali). Ma sono solo preferenze personali, per l’appunto. Perché non c’è un momento debole in “A.C.A.U.”: tutti si sono messi a giocare e si sono rimessi in gioco. Davvero una cosa rara e preziosa.

(Gianni Sibilla)

TRACKLIST:

Fugge l'abbraccio (Piero Pelù)
Adàm Qaudmòn (Raiz)
Carezza d'autunno (Carmen Consoli)
Night and storms (Franco Battiato)
Meloria's ballad (Cristina Donà)
Da raccontarti all'alba (Lorenzo Jovanotti)
Deriva finita (Cristiano Godano)
Elianto (Ginevra Di Marco)
End coming over action bird (Manuel Agnelli / Giorgio Canali)
Sabbia (Francesco Renga)
Una prima volta (Andrea Chimenti)
Deus ti salvet Maria (A.A.V.V.)
Infondo (Fiamma)
Delicato delirio (Federico Fiumani)
S'ostina (Giovanni Lindo Ferretti)
, ,

 

Le ultime recensioni di Rockol

Take That/III
Take That
III
leggi tutto >

Le ultime nostre segnalazioni

leggi tutto >

Le ultime recensioni di DVD

Le ultime recensioni di libri

20 dic 2014    Rockol - La musica online è qui Rockol.com - All your music news in one place