NEWS   |   Italia / 01/03/2016

Michele Bravi: 'Mi dissero che ero morto. Sono andato dall'analista'

Michele Bravi: 'Mi dissero che ero morto. Sono andato dall'analista'

Già vincitore di X Factor nel 2013, l'ex pupillo di Tiziano Ferro (produttore, insieme a Michele Canova, dell'album di debutto "A passi piccoli", datato 2014) all'inizio del 2015 ha aperto un canale YouTube e ha cominciato a pubblicare una serie di video, per poi tornare sulle scene discografiche lo scorso ottobre con l'EP "I hate music"; proprio attraverso un video pubblicato sul suo canale YouTube ufficiale, Michele Bravi ha raccontato "quello che finora aveva tenuto solo per sé", ovvero il periodo di crisi - personale, ma anche artistica - attraversato in seguito alla pubblicazione del suo album di debutto. Ecco cosa ha detto il cantante:

"Ho vinto uno dei talent più grossi, in Italia. All'inizio è stato tutto bellissimo: entrare in uno studio di registrazione e incontrare Giorgia, Tiziano Ferro, Mika, James Blunt, è stata una catapulta bellissima in un sogno incredibile. Poi ho fatto le mie cazzate. Ho sbagliato, perché mi sono affidato a delle persone che hanno preso le loro belle taniche di benzina e l'hanno sparsa in giro per la mia vita e poi hanno dato fuoco a tutto. Non voglio incolpare nessuno, è la prima volta che ne parlo in maniera diretta: quelle persone erano lì semplicemente a fare il loro lavoro. Probabilmente la colpa è mia, che le ho fatte entrare nella mia vita. Sono stato molto male. Un giorno andai a parlare con queste persone, io seduto da una parte della scrivania e loro dall'altra parte: c'è stato un momento in cui mi sono messo a piangere. Loro mi hanno guardato e mi hanno detto: 'Michele, non piangere. Accetta che sei morto, che sei finito'. Vi assicuro che sentirsi dire che sei morto, a vent'anni, fa male. E fa male nel momento in cui sei così puro e impreparato anche a difenderti. E io ci ho creduto, ho creduto di essere davvero morto. Ho sentito di aver sbagliato tutto. Mi sono trasferito a Milano, sono andato in analisi. Mi sono detto: 'Ma se è vero che ho perso tutto, è anche vero che non ho nulla da perdere. Devi rimetterti in gioco'. L'ho fatto spogliandomi completamente, raccontandomi in tutto e ho creato questo canale YouTube nel momento in cui non c'era più niente".

Scheda artista Tour&Concerti
Testi
Altre notizie su Michele Bravi