Gigfunder, il 'crowdfunding' per finanziare i tour su richiesta

Emulo nelle caratteristiche della sua piattaforma di siti come Indiegogo, Pledge Music e Kickstarter tra gli altri, ha da poco debuttato ufficialmente Gigfunder, nuovo esempio di 'crowdfunding' ad alta specializzazione: il settore live. Fondata da Matt Pearson che ha assunto la carica di CEO… Leggi tutto

Commenta
Gigfunder, il 'crowdfunding' per finanziare i tour su richiesta

Gigfunder, il 'crowdfunding' per finanziare i tour su richiesta

Emulo nelle caratteristiche della sua piattaforma di siti come Indiegogo, Pledge Music e Kickstarter tra gli altri, ha da poco debuttato ufficialmente Gigfunder, nuovo esempio di 'crowdfunding' ad alta specializzazione: il settore live. Fondata da Matt Pearson che ha assunto la carica di CEO della società, Gigfunder consente la registrazione sia ad artisti che a fans: questi ultimi, una volta in possesso di un account, potranno richiedere con un tweet che una band prenda in considerazione la loro località di residenza per una tappa del tour; per converso, la band avrà reso note e disponibili delle finestre temporali ancora aperte e i costi di organizzazione di un singolo show. Così come accade su ogni piattaforma di crowdfunding, gli utenti potranno dunque partecipare economicamente al finanziamento di un progetto (nello specifico: un data dal vivo su richiesta) e gli artisti, partendo da questa impostazione di base, potranno capitalizzare su una base territoriale di appassionati che diversamente non avrebbero potuto raggiungere e coltivare ed anche cercare di rendere l'esperienza ancora più originale. Nel caso di Gigfunder non mancano nè i casi  di incentivo e remunerazione per i fans trasformatisi in finanziatori, nè nuove forme di concettualizzazione del live show. I Cowgill, tra i primi artisti indie ad aderire alla piattaforma, offrono a due fans di salire sul palco per aggiungersi ai battimano durante l'esecuzione del brano "The King of Wales"; Michael Shoup offre esibizioni in abitazioni private; altri artisti come Kat Parson organizzano anche delle "skype cover sessions". Gigfunder è stata fondata con mezzi privati e, nelle dichiarazioni del CEO, punta a autofinanziare la propria crescita senza l'intervento di investitori esterni.

Commenti

caricamento dei commenti in corso
24 nov 2014    Rockol - La musica online è qui Rockol.com - All your music news in one place
SKIN ADV