Diecimila spettatori per il film su George Harrison, da lunedì forse si replica

Oltre 10 mila spettatori, giovedì 19 aprile, sono accorsi nelle sale cinematografiche italiane per assistere alla proiezione del film documentario di Martin Scorsese "George Harrison: Living in the material world". L'affluenza massiccia del pubblico nelle 100 sale Nexo Digital che avevano in… Leggi tutto

AcquistaCommenta
George Harrison   follow
Diecimila spettatori per il film su George Harrison, da lunedì forse si replica

Diecimila spettatori per il film su George Harrison, da lunedì forse si replica

Oltre 10 mila spettatori, giovedì 19 aprile, sono accorsi nelle sale cinematografiche italiane per assistere alla proiezione del film documentario di Martin Scorsese "George Harrison: Living in the material world". L'affluenza massiccia del pubblico nelle 100 sale Nexo Digital che avevano in programmazione la pellicola per un giorno soltanto, scrive l'Ansa, avrebbe indotto i distributori a valutare la possibilità di replicarne la proiezione a partire da lunedì prossimo, 23 aprile.

Uscito in concomitanza con il decennale della morte dell'artista, avvenuta il 29 novembre del 2001, "George Harrison: Living in the material world" è stato realizzato da Scorsese con il pieno sostegno della vedova del musicista, Olivia Arias (che ne è anche co-produttrice) e del figlio Dhani, e ripercorre in tre ore e mezza ricche di interviste e filmati inediti l'esistenza del "quiet Beatle" dall'epopea dei Fab Four alla carriera solista illustrandone anche il percorso di ricerca spirituale.

Alla prima britannica del film, l'ottobre scorso, sono intervenuti anche Yoko Ono, Ringo Starr e Paul McCartney, che nell'occasione ha ricordato Harrison come "un gran bravo ragazzo", "un tipo tranquillo ma, a seconda dell'umore, anche rumoroso. In ogni caso un grande uomo".
 

Commenti

caricamento dei commenti in corso

Tutto su

George Harrison
George Harrison nasce il 24 febbraio 1943 a Liverpool.
A dispetto della predominanca compositiva della coppia Lennon/McCartney, riesce comunque a ritagliarsi un significativo spazio nei Beatles: già in “Revolver” - appaiono due sue canzoni, "Taxman" e "Love you too", alle quali poi si aggiungono i grandi successi di “While my guitar gently weeps", "Here comes the sun" e di "Something".

Leggi tutto >
27 nov 2014    Rockol - La musica online è qui Rockol.com - All your music news in one place
SKIN ADV