Sony-EMI, Impala critica la decisione della Commissione Europea

L'approvazione condizionata, da parte della Commissione Europea, dell'acquisizione delle edizioni EMI da parte di un consorzio guidato da Sony/ATV è stata ovviamente accolta come una "cattiva notizia" da Helen Smith, presidente esecutivo dell'associazione di etichette discografiche indipendenti… Leggi tutto

Commenta
Sony-EMI, Impala critica la decisione della Commissione Europea

Sony-EMI, Impala critica la decisione della Commissione Europea

L'approvazione condizionata, da parte della Commissione Europea, dell'acquisizione delle edizioni EMI da parte di un consorzio guidato da Sony/ATV è stata ovviamente accolta come una "cattiva notizia" da Helen Smith, presidente esecutivo dell'associazione di etichette discografiche indipendenti Impala.

"Siamo particolarmente preoccupati per tutti gli autori e i dipendenti di Sony e di EMI", ha scritto la Smith in una nota diramata a commento della decisione della CE. "Restiamo convinti che l'impatto della fusione sui mezzi di sostentamento degli autori sia stato sottostimato, e che sia stata invece sovrastimata la possibilità, da parte dei correttivi adottati, di garantire la futura concorrenza sul mercato".

Altrettanto critico Michel Lambot, copresidente di Impala nonché cofondatore del gruppo PIAS, convinto che un merger editoriale Sony/EMI influirà negativamente anche sull'evoluzione del mercato online, rendendo più difficile ai gestori delle piattaforme digitali ottenere le licenze necessarie al download o allo streaming: "Quanti di loro", si chiede Lambot, "riceveranno risposta quando richiederanno una licenza? Questa decisione va chiaramente in direzione contraria alla posizione ufficiale dell'Unione Europea che pone Internet e la conoscenza al cuore del suo sviluppo".
 

Commenti

caricamento dei commenti in corso
27 nov 2014    Rockol - La musica online è qui Rockol.com - All your music news in one place