The Observer 2012: l'intervista a Dino Fumaretto

Dino Fumaretto - alterego di Elia Billoni - pubblica il suo nuovo album "Sono invecchiato di colpo" e torna sulla scena musicale a due anni di distanza dall'uscita del precedente "La vita è breve e spesso rimane sotto": Rockol The Observer lo ha selezionato per metterlo sotto i riflettori, e dopo… Leggi tutto

AcquistaCommenta
Dino Fumaretto   follow
The Observer 2012: l'intervista a Dino Fumaretto

The Observer 2012: l'intervista a Dino Fumaretto

Dino Fumaretto - alterego di Elia Billoni - pubblica il suo nuovo album "Sono invecchiato di colpo" e torna sulla scena musicale a due anni di distanza dall'uscita del precedente "La vita è breve e spesso rimane sotto": Rockol The Observer lo ha selezionato per metterlo sotto i riflettori, e dopo avervelo presentato, dopo aver recensito la sua ultima fatica in studio, in questo ultimo appuntamento a lui dedicato vi raccontiamo cosa ci ha tutti i segreti sulle sue nuove canzoni.
"'Sono invecchiato di colpo' è nato da un senso di distacco profondo nato durante la seconda metà del tour di "La vita è breve spesso rimane sotto", in cui mi esibivo in solitaria", racconta Elia, "Ho recuperato vecchie canzoni di Fumaretto, scarti, e ho fatto delle registrazioni di prova a casa mia con un'idea vaga di arrangiamento e mi sono reso conto che queste canzoni 'rifiutate', disarmanti, asciutte, meno evidentemente d'impatto, descrivevano il mio stato interiore. Ero invecchiato senza rendermene conto. Forse a causa degli altri, ma soprattutto a causa del mio 'Io', della mia presenza. Ho avuto la sensazione di ritrovarmi in un luogo asettico di macerie".

Come sono nate le canzoni di "Sono invecchiato di colpo"? "L'autore delle canzoni è Dino Fumaretto, io, Elia Billoni, sono l'interprete. Ho sempre fatto da solo fino a quest'ultimo lavoro per il quale invece ho collaborato per gli arrangiamenti dei brani con Nicola Cappelletti, bassista e violinista. Senza di lui probabilmente non sarei riuscito a esprimere pienamente il senso che volevo dare a questo album. Le canzoni di Fumaretto nascono spesso da un testo, ma altrettanto frequentemente da una melodia, non ci sono metodi fissi. Il risultato finale è quasi sempre abbastanza preciso, essenziale. E con la mia interpretazione, in passato più caustica, seguo questa linea. Anche in questo disco, pur aggiungendo strumenti, abbiamo mantenuto una generale un'atmosfera di scarnificazione. Potrebbe essere definito un concept album sulla vecchiaia interiore e le sue diramazioni: pazzia, rincoglionimento, aridità, e tutte queste cose insieme".
Nel disco partecipa, Iosonouncane, artista di punta della scena alternativa bolognese, ma Fumaretto non è nuovo alle collaborazioni: "Le collaborazioni, per quanto mi riguarda, nascono come nascono gli amori", racconta Elia a Rockol, "Ad esempio Jacopo (Iosonouncane), che è anche un amico, si era innamorato del brano che dà il titolo all'album, e così ha aggiunto nuove sonorità. Ha fatto un lavoro eccellente, perché è bravo ma anche perché lo sentiva suo. Non m'interessano le collaborazioni a tavolino. Non sono mai andato a puttane".

Commenti

caricamento dei commenti in corso

Tutto su

Dino Fumaretto
Il mantovano Dino Fumaretto (vero nome Elia Billoni) nasce nel 1981. Inizia il proprio percorso artistico alla fine del 2002 dopo studi teatrali e di Conservatorio. Suona pianoforte, tastiere, kazoo e armonica a bocca.
Dal 2005 utilizza come alter ego il nome anagrafico. Come lui stesso scrive: “Dino Fumaretto è un personaggio tragicomico creato da Elia Billoni, Dino Fumaretto scrive…
Leggi tutto >
21 dic 2014    Rockol - La musica online è qui Rockol.com - All your music news in one place