Clementino, Rapstar con Fabri Fibra: ''Non è gratis': non un disco, un diario'

Non un album, né un mixtape: più che altro un diario di una collaborazione nata nemmeno troppo per caso e durata sette mesi tra due artisti animati da sincera e reciproca stima. Da una parte Fabri Fibra, superstar dell'hip hop tricolore, che in occasione di un suo concerto all'Arenile di Bagnoli… Leggi tutto

AcquistaCommenta
Rapstar   follow
Clementino, Rapstar con Fabri Fibra: ''Non è gratis': non un disco, un diario'

Clementino, Rapstar con Fabri Fibra: ''Non è gratis': non un disco, un diario'

Non un album, né un mixtape: più che altro un diario di una collaborazione nata nemmeno troppo per caso e durata sette mesi tra due artisti animati da sincera e reciproca stima. Da una parte Fabri Fibra, superstar dell'hip hop tricolore, che in occasione di un suo concerto all'Arenile di Bagnoli, nel capoluogo partenopeo, riconosce tra il pubblico e saluta dal palco Clementino, giovane promessa del rap napoletano. E dall'altra lui, appunto, nome già consolidato in ambito underground che si reca nel backstage a ringraziare il blasonato collega e scopre un'anima gemella, artisticamente parlando. "Io e Fabri ci siamo capiti subito", racconta lui a proposito della genesi di "Non è gratis", progetto congiunto dato alle stampe sotto la sigla di Rapstar: "Ero con lui - una star con tre dischi di platino alle spalle - nel suo camerino e mi sembrava di parlare con mio fratello". Di lì a breve i convenevoli hanno lasciato spazio ai beat e alle rime: "La persona fantastica che avevo conosciuto a Napoli l'ho ritrovata, tale e quale, in studio a Milano, quando abbiamo iniziato a registrare le canzoni. E lì mi sono accorto come tutte le mie idee già avessero trovato una sponda, nel suo lavoro". Così, in tempi record - almeno per la discografia attuale - è nato "Non è gratis": "Un titolo che non ha nulla a che vedere con la musica scaricata senza pagare", specifica lui, "A non essere gratis sono il successo e le opportunità che ti si possono presentare. Fibra è arrivato dov'è dopo anni di gavetta, di concerti in piccoli locali e di battaglie di freestyle. Lavorando duro sulle sue canzoni e sulle sue rime. La strada per la fama non prevede scorciatoie". Un velato riferimento a certe esplosioni di popolarità che hanno fatto clamore, ultimamente? "Ne ho sentito parlare, di questa storia delle views comprate su Youtube, ma sinceramente l'argomento non mi interessa: tutto quello che so è che se un pezzo è valido la gente se ne accorge. Punto. Non escludo che possano esserci ottimi rapper con carriere decennali alle spalle ancora confinati nell'underground e nuovi arrivati pompati su tutte le riviste grazie ad un ottimo lavoro di promozione: bisogna però avere fiducia nel pubblico. E il pubblico, la qualità, la sa sempre riconoscere". Feste, ragazze, politica, società, relazioni umane: in "Non è gratis" c'è di tutto. "Considerate che questo disco unisce il rap del nord - con Fibra, che abita a Milano (ma che è di Senigallia, e che quindi conosce il mare, come me - a quello del sud, che ho avuto l'onore di rappresentare. E in mezzo ci sono almeno una decina di collaboratori, come Dj Nais - autore della maggior parte delle basi, Shablo, Deleterio, Tayone, Blatta & Inesha: la carne al fuoco era tantissima". Poco spazio per l'autocelebrazione e l'autoreferenzialità, quindi... "L'autocelebrazione, nell'hip hop, fa parte del gioco. Se c'è, magari anche in chiave autoironica, per un paio di pezzi su un totale di dodici, allora va bene, è anche divertente, sennò è una rottura di palle. Come per le battaglia di freestyle: devono essere prese per il verso giusto, come un gioco dove sia presente una normale e sana competizione tra due sfidanti. Poi il gioco deve finire lì, perché gli strascichi con tutti gli annessi e connessi del caso - oltre ad essere noiosi per chi ascolta - rendono il tutto un po' infantile". Ci si rifà così all'annosa questione dei riferimenti rivolti ad un preciso immaginario: "Non c'è cosa più sbagliata, per un rapper italiano, che fare il verso ad uno americano: se io mi presentassi a mio padre con la canottiera oversize dei Chicago Bulls muovendomi come Ludacris quasi sicuramente lui constaterebbe di avere un figlio deficiente e mi caccerebbe di casa. E farebbe bene, perché che credibilità potrei mai avere? La maglietta del Brasile, o quella del Manchester, dovremmo metterci. E poi ascoltare James Senese, Mario Musella, Pino Daniele: sono loro, per me, gli inventori dell'hip hop napoletano, ed è a loro che guardo. Anche perché a Napoli la musica la vivi, la respiri, e a certe influenze non puoi sottrarti".

Commenti

caricamento dei commenti in corso

Tutto su

Rapstar
Il progetto Rapstar nasce a giugno 2011 a Bagnoli, quando Fabri Fibra (Milano, 1976) e Clementino (Napoli, 1982) si incontrano dietro le quinte di un concerto del rapper milanese. L’alchimia è subito evidente, tant’è che i due decidono di iniziare a lavorare insieme. Nasce così il disco NON E’ GRATIS, disco composto da 15 tracce che vede la partecipazione di diversi altri esponenti della scena…
Leggi tutto >
22 dic 2014    Rockol - La musica online è qui Rockol.com - All your music news in one place